Tag Archives: satira

Figli di un dio maggiore

7 Gen

Allah è grande. Bene. Perfetto. Ci sto. Voi, invece, siete piccoli. Piccolissimi. Minuscoli. Voi che non sapete ridere. Voi che non conoscete l’ironia e il suo innocente potere. Voi che non sapete cosa sia la satira e il sacrosanto diritto che essa rappresenta. Voi che avete le armi come strumento di dialogo. Voi che rubate la vita degli altri come foste degli dèi, come foste tanti piccoli Allah. Ma Allah è grande. Bene. Perfetto. Ci sto. Voi, invece, siete piccoli. Piccolissimi. Minuscoli. E se davvero siete figli di quel vostro dio una cosa è certa. Siete stati adottati.

Figli di un dio maggiore

Annunci

Godo

16 Nov

Godo1

Godo2

Ho visto un arcobaleno rivoltarsi nella tomba

8 Ott

Non mi preoccupa tanto il diktat di Alfano per fermare la registrazione dei matrimoni gay, quanto quel 55 per cento che nel sondaggio Sky che gli sta dando ragione.

GAY MARRIAGE BECOMES LEGAL IN CALIFORNIAHo visto un arcobaleno rivoltarsi nella tomba (2)

Certi giornalisti si drogano

18 Mar

E pure voi, per Dio.
Smettetela di far bere il latte più ai vostri poppanti.

pastelli per i bimbi tossici

Strategie per evitare giornate traumatiche come quella di ieri

20 Ago

Prendere questo blog. Scrivere. Scrivere. Scrivere. Prendere questo blog. Leggere. Leggere. Leggere. Limare. Sistemare. Riscrivere. Prendere questo blog e farne un libro. Un best seller. Arricchirsi. Arricchirsi da far schifo. Oppure sposare Barbara Berlusconi. Per arricchirsi senza blog, senza libro, senza best seller. E per ingraziarsi papà Silvio, che poi ti darà lezioni private di legiferazione ad personam. Per abolire per decreto, una volta per tutte, il ritorno dalle ferie prima di una glaciazione.

La nebbia all’irto Colle (12)

21 Apr

Svegliarmi sapendo di avere un Presidente della Repubblica nuovo di zecca mi fa affrontare la giornata con viva e vibbbbrante soddisfazione.

Sono le 11:34 del mattino.
Ok. Buonanotte. Svegliatemi tra sette anni.

Habemus Papam (anzi no) (2)

11 Feb

Morta una pagina se ne fa un’altra.

Lavoro per un magazine che si occupa di tv. Tutto questo col papa c’entra molto poco. Ma la televisione, si sa, va di pari passo con le cose che accadono nel mondo. E se il pontefice dà forfait il piccolo schermo non può rimanere in panchina. Non resta a guardare. Anzi, si fa guardare. Perché la gente vuole sapere. La gente vuole vedere. La gente vuole partecipare.

La gente vuole farsi i cazzi degli altri.

Il problema è che quel Benedetto papa ha scelto proprio il giorno sbagliato per rassegnare le sue dimissioni. Quale? Quello di chiusura del nostro giornale. Del nuovo numero, intendo. Quello in cui tutto dovrebbe essere bello e pettinato per andare in stampa, non stravolto da uno scoop rivelato in latino. Non so se Ratzinger abbia la patente nautica, io so soltanto che per via sua il timone del prossimo numero non è più lo stesso. E allora via una pagina dalla sezione bambini. E’ la prima a esser presa di mira se c’è un imprevisto. La prima a cui vengono tagliati degli spazi se Belen si dichiara lesbica, se Vespa si fa asportare un neo, se Alfano si dimentica di riportare l’osso. O se Berlusconi decide di farsi papa. Avrei dovuto capirlo dal nome, prima di accettare l’incarico. Quella sezione non si chiama bambini perché parla di Ben 10 o dei Pigiamici. Ma perché chiudere quelle pagine è ogni volta un travaglio. Ogni volta un fottuto parto.

Benedetto tempismo. Morta una pagina se ne fa un’altra. Via Scooby Doo, e sotto con l’annuncio che a marzo le telecamere saranno tutte puntate sul Vaticano. Mentre qua il mio lavoro viene stravolto al fotofinish. E dalle mie orecchie è tutta una fumata nera.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: