Tanto campo d’aria (3)

28 Ott

Gli articoli devono resistere robustamente a queste domande:
Ritenete attendibili le informazioni presentate nell’articolo?
L’articolo è stato scritto da un esperto o un appassionato che conosce bene l’argomento o è più superficiale?
Il sito contiene articoli duplicati, che si accavallano o sono ridondanti in merito ad argomenti uguali o simili, solo con parole chiave leggermente diverse?
L’articolo contiene errori ortografici, stilistici o false informazioni?
L’articolo fornisce contenuti o informazioni, rapporti, ricerche o analisi originali?
La pagina in questione è molto più utile rispetto alle altre pagine visualizzate nei risultati di ricerca?
In che misura viene controllata la qualità dei contenuti?
L’articolo tratta entrambi i punti di vista in merito a una notizia?
I contenuti sono trattati con la massima cura e attenzione?
L’articolo è stato scritto bene o sembra essere stato redatto senza alcuna cura o in modo sbrigativo?
Gli articoli sono curati, vi sono grafici, fotografie pertinenti e notizie originali e trattate con cura?
Vi fidereste delle informazioni fornite dall’articolo?
L’articolo fornisce una descrizione completa dell’argomento?
L’articolo contiene un’analisi dettagliata o informazioni interessanti che non siano ovvie?
Si tratta del tipo di pagina che aggiungereste ai segnalibri, condividereste con un amico o consigliereste?
Vi aspettereste di trovare l’articolo in una rivista, un’enciclopedia o un libro cartacei?
Gli articoli sono corti, inconsistenti o comunque privi di informazioni specifiche utili?
Le pagine sono realizzate con estrema cura e attenzione per i dettagli o non lo sono affatto?
Gli utenti si lamenterebbero trovando pagine provenienti da questo articolo?
Gli argomenti sono basati sui reali interessi dei lettori del sito oppure il sito genera i contenuti in base ai presunti argomenti che potrebbero ottenere un buon posizionamento nei motori di ricerca?

E poi una fetta di culo. Bella spessa e saporita. Il culo del collaboratore, a cui si richiede tutto questo ma lo si retribuisce secondo un tariffario forfettario che oscilla tra l’euro smilzo della “notizia flash” e i dieci ridicoli dell'”articolo lungo”. Quanto lungo? Non si sa. E gli importi sono lordi o netti? Non pervenuto. Pagamento tramite bonifico bancario (ma non si disdegna la Postepay) a blocchi di trenta pezzi. E se di essere sfruttato ti stanchi prima del trentesimo non becchi l’ombra di un quattrino. Insomma te la prendi nel culo. Tra una fetta e l’altra.

Quindi fatti un favore, mio caro Snoopy. Smettila di fare il coglione.

Tanto campo d'aria (3)

2 Risposte to “Tanto campo d’aria (3)”

  1. colpoditacco mercoledì, 29 ottobre 2014 a 20:09 #

    ma ti stai sempre a lamentare… beccati sti 2 centesimi e via! Ma davvero vuoi essere pagato per scrivere… ma dai! Cmq se ti può consolare io ho scritto un libricino di 80 pagine per un centro socioculturale del mio quartiere e lo sai in che modo mi hanno pagato…? Con un mazzo di fiori e pure brutto. E io che pensavo a qualche soldo… che antica che sono.😀😀

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: