Il mago O’Rozzo (3)

12 Set

Sono un precursore. Un innovatore. Un genio irriconosciuto del giornalismo. Collaudo tecniche nuove. Esploro, sperimento e propongo strategie inedite. Per fare le interviste, ad esempio. Ho deciso: d’ora in poi la smetterò di fare io le domande. So che questo atteggiamento è la morte di questo mestiere, ma ho imparato che è soltanto una fatica sprecata. Non preparerò più una lista di quesiti da rivolgere all’intervistato di turno. Lo lascerà parlare. Del più e del meno. Del per e del diviso. Di quanta cacca ha fatto Bubu durante la pisciatina (che quel coso peloso non ha mica mezze misure: o tutto niente). Di quanto era buono il toast con cui ha fatto colazione. E di quale unguento magico usa per combattere la piaga più antica e viscerale del mondo. Le emorroidi. Lascerò che l’intervistato parli di ciò che vuole. Lo lascerò libero di esprimere il suo flusso di pensieri, di dare spazio a suoi voli mentali che hanno bisogno di prendere aria. Poi estrapolerò quello che mi serve (ammesso che ci sia), e sarà in quel momento che indosserò il cilindro e impugnerò la mia bacchetta. Per fare la grande magia. Inventare le domande a partire dalle risposte, in un grande gioco di prestigio in cui a scomparire è soprattutto una cosa. La dignità.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: