Social-mente parlando

24 Mag

E poi ieri sera ho letto questo.

Social-mente parlando

Ed è una delle poche cose che ho letto negli ultimi tempi. Sono pigro. Indolente. Gestisco il tempo come un elefante gestirebbe un negozio di Swarovski. Sono una frana, io, con le lancette. E poi c’è il problema del lavoro. Che quando non c’è è ancora più un problema, ma quando c’è ti spuntano le zanne, le orecchie grosse e la proposcide. E poi sono cazzi.

Fortuna le Suore Ninja. Fortuna loro e la simpatia nerd che trasudano le loro storie. Fortuna quella manciata di ballon con le parole dentro. Sennò mi sentirei davvero inutile a non leggere più niente, se non i miei pezzi e quelli dei miei collaboratori (che detta così pare io sia diventato qualcuno, invece tra un mese potrei ritrovarmi sulla strada, o a vendere pentole con Mastrota). A parte quelli, ormai, c’è soltanto un’altra cosa che leggo davvero. No, non è il Televideo. Troppo vintage. E no, non è nemmeno la busta del pane. Sono a dieta, non ne compro più. Le buste, si sa, fanno ingrassare tantissimo.

Le cose che leggo di più, ormai, sono gli status su Facebook. Quelli degli altri, ma a volte anche i miei. Per ricordarmi che ho il senso dell’umorismo di un Martufello sotto Mescalina.  Lo stesso umorismo che mi fa partorire post come questi. Spiritosi, sì, però inutili come certi status. Ma mi piace. Commenta. Condividi. Visto? Ormai ho il cervello in pappa.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: