Succede

13 Ott

Succede che il presente ti appaghi quanto un orgasmo tra quelli più belli. Succede che però il futuro continui a sembrarti meno roseo di quanto vorresti. Succede che oggi sei contento, poi domani chissà. Succede che ti godi il momento, ma che la prospettiva sia più grigia del grigio.

Succede che lo stage si stia rivelando bello e simpatico, il classico figaccione. Succede che non ti sei mai illuso di aver già trovato lavoro, però succede che un occhio avanti, in fin dei conti, ti viene da buttarcelo. Ed è lì che succede che su Facebook ti venga a parlare una persona che nemmeno sa chi sei, ma che sa dove ti trovi. Succede che si metta a parlare della gente per cui stai lavorando (gratis). Succede che si metta a etichettarli come dei mascalzoni, come dei veri e propri ladri, compreso l’editore. Succede che te li dipinga come disonesti. Succede che ti racconti che in passato il tuo attuale vicedirettore le abbia proposto 20 euro a pezzo per scrivere degli articoli dall’estero (roba da non pagarci nemmeno il più scrauso dei bed & breakfast), cercando di rendere la cosa più allettante con la prospettiva di uscire in edicola (e grazie al piffero). Succede che alcuni suoi colleghi abbiano avuto a che fare con questo giornale e di non essere stati pagati. Succede che alcuni di questi siano in causa con l’azienda. Succede che altri abbiano ricevuto l’offerta di abbonamenti gratuiti al posto dei soldi dovuti, ammettendo spudaratamente di star proponendo qualcosa di scandaloso. Succede che qualcuno s’è rivoltato, e che questo qualcuno abbia raccontato della squallida offerta ad altri soggetti di questo giornale. Succede che questi abbiano negato tutto, e che abbiano posto i malcapitati a una specie di ricatto: “Dimmi chi ti ha detto che paghiamo in abbonamenti e io ti dico se è vero”. Succede che la scusa utilizzata per certi pagamenti troppo bassi sia stata quella del minimo sindacale fisso a 20 euro, quando un minimo sindacale non esiste più dal 2007.

Succede che la persona che ti ha raccontato tutto questo stia per mollare tutto dopo otto anni di sudore e lacrime versate sull’altare del giornalismo. Succede che la stessa ti suggerisca di trovarti un’alternativa. Succede che il presente ti appaghi quanto un orgasmo tra quelli più belli. E succede che quello stesso presente finisca di botto per assomigliare al peggiore di coiti interructus.

Annunci

Una Risposta to “Succede”

  1. cosima mercoledì, 13 ottobre 2010 a 21:57 #

    succede si tutto questo,così come succede che un padre di famiglia che lavora in un’azienda privata non percepisca lo stipendio regolarmente,ma solo piccoli acconti..che non si vede alternativa perchè a 40 anni non ti vuole nessuno oppure ti propongono “stipendi” da 800 euro..e tutto questo logora…e più passa il tempo..ma c’è sempre chi sta peggio di noi..succede anche questo!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: